L’Assemblea dei soci di Banca Popolare · Volksbank delibera il bilancio

Elementi Navigazione

L’Assemblea dei soci di Banca Popolare · Volksbank delibera il bilancio

Price sensitive

Pubblicato il 19/04/2013

Confermati gli amministratori Eisendle, Froschmayr, Salvà e Tauber, nonché i sindaci Hager, Hesse e Knoll 

Molto buono il risultato dell’ispezione dell’organo di vigilanza Banca d’Italia 


“Banca Popolare · Volksbank è sulla strada per diventare la banca dei soci per antonomasia”, queste le parole di benvenuto del presidente Otmar Michaeler. “Siamo felici che più di 2600 soci abbiano accettato il nostro invito qui al Palaonda di Bolzano per prendere parte all’Assemblea”, così Michaeler. “La Banca vanta già 32.065 soci e vuole arrivare a 50.000 soci entro la fine del 2014. L’aumento di capitale conclusosi con grande successo l’autunno scorso, ha dimostrato come Banca Popolare · Volksbank sia radicata profondamente tra le migliaia di soci che condividono e supportano la strategia della Banca”, ha affermato Michaeler.
 
Michaeler e il direttore generale Johannes Schneebacher hanno presentato all’Assemblea dei soci i punti salienti e i risultati del trascorso esercizio 2012. L’utile netto ha raggiunto i 21,6 milioni di euro. L’utile lordo è aumentato a 35,5 milioni di euro. Il totale di bilancio si è attestato a 5,95 miliardi di euro. L’Assemblea dei soci ha deliberato il bilancio della Banca. 
Come negli ultimi due anni passati, anche per l’esercizio 2012 soci e azionisti ottengono un dividendo di 30 centesimi per ogni azione. Il nuovo prezzo di emissione per l’anno 2013 è stato fissato a 18,85 euro per azione – questa la delibera dell’Assemblea dei soci. 
Questa sera l’Assemblea dei soci ha riconfermato i quattro amministratori, il cui mandato era scaduto in base al rinnovo triennale del Consiglio d’amministrazione della Banca. I vice-presidenti Arno Eisendle e Lorenzo Salvà, nonché gli amministratori Philip Froschmayr e Margit Tauber faranno ancora parte del Consiglio d’amministrazione. Allo stesso modo sono stati riconfermati il presidente del Collegio dei sindaci Heinz Peter Hager e i sindaci Georg Hesse e Joachim Knoll. 
L’Assemblea dei soci ha inoltre posto importanti pietre miliari per quanto riguarda la corporate governance della Banca. 
L’attuale rinnovo triennale del Consiglio d’amministrazione è stato modificato. In futuro l’intero Consiglio d’amministrazione verrà rieletto ogni tre anni. A questo scopo potranno presentarsi alle elezioni dell’Assemblea dei soci 2014, le rispettive liste composte da 12 candidati. La lista di maggioranza ha diritto a 10 mandati su 12 (se la lista di minoranza raggiunge il quorum previsto). Le prime due liste di minoranza ottengono ciascuna un mandato (sempre che entrambe abbiano raggiunto il quorum). 
Anche il Collegio dei sindaci verrà eletto in futuro attraverso il voto di lista. 
Nella sua presentazione il direttore generale Schneebacher ha fatto riferimento all’ottimo risultato dell’ispezione della Banca d’Italia svoltasi nell’autunno del 2012. Il risultato, presentato da Banca d’Italia al Consiglio d’amministrazione il 5 aprile, attesta che Banca Popolare · Volksbank possiede una solida situazione patrimoniale e una prudente esposizione al rischio. “Anche in tempi economicamente difficili la Banca è stata in grado di lavorare con efficienza sul mercato locale e di mantenere un soddisfacente equilibrio economico”, così la Banca d’Italia. “Sono lieto di questo risultato, perché viene attestato dall’alto che la Banca svolge con prudenza le sue attività, che la situazione patrimoniale di Banca Popolare · Volksbank è stabile e che l’esposizione al richio è moderata”, ha affermato Schneebacher.