Intervista

Il ruolo di Volksbank nella transizione sostenibile del Nord Est

Thomas Walter Kofler, Direttore Crediti di Volksbank, ci illustra come Volksbank abbia integrato la sostenibilità nelle scelte strategiche aziendali, anche guidata dai valori del marchio.

access_time4 minuti

Sostenibilità

08/07/2022

Sostenibilità come valore aggiunto

Una Banca regionale come Volksbank ha una grande responsabilità ambientale e sociale: l’obiettivo è quello di dare un valore aggiunto tangibile al territorio e alla comunità. Ne abbiamo parlato con Thomas Walter Kofler, Direttore Crediti di Volksbank, che ha illustrato come Volksbank abbia integrato la sostenibilità nelle scelte strategiche aziendali, anche guidata dai valori del marchio.
Sostenibilità come valore aggiunto

Come si posiziona Volksbank nell’ambito della sostenibilità?

Nell’ambito della sostenibilità ci guidano i nostri tre valori del marchio: Volksbank è lungimirante, presente e dinamica. Naturalmente i valori si rispecchiano anche nella strategia del credito: il nostro compito in futuro sarà quello di contribuire allo sviluppo sostenibile della società del Nord Est e questo lo realizziamo mediante numerose attività, ad esempio concedendo credito a controparti virtuose che presentano progetti con un impatto ESG positivo, ad esempio mutui per finanziare case in classe “Klimahouse A” o “Klimahouse A Nature”.

Ci stiamo inoltre dedicando a progetti di riforestazione e di efficientamento energetico nel nostro territorio, il Nord Est. Supportiamo inoltre le aziende che decidono di passare dalle fonti energetiche tradizionali e più inquinanti a soluzioni sostenibili e rinnovabili (processi di decarbonizzazione). Non solo: finanziamo anche progetti che promuovono l’economia circolare, quindi siamo al fianco di tutti quei clienti che aumentano il ciclo di vita dei prodotti e riducono così l’utilizzo di materie prime.

Al giorno d’oggi, siamo costantemente posti davanti a nuove sfide: una banca, ad esempio, non si limita più a fornire una consulenza “puramente” finanziaria, ma è chiamata a rafforzare il proprio impegno anche in altri ambiti, tra cui la sostenibilità. 

Thomas Walter Kofler, Direttore Crediti di Volksbank

Per le giovani generazioni, l'attenzione alla sostenibilità è un "must have" nella scelta di un’azienda. In che modo una Banca regionale può attrarre i potenziali collaboratori o clienti?

Oggi i giovani scelgono di lavorare o di investire in un’azienda sulla base dei valori che incarna e dell’attenzione ambientale e sociale al territorio in cui opera. Questo vale anche per il mondo finanziario: ricerche condotte a livello nazionale dimostrano che i giovani investitori prediligono investimenti con specifici target ambientali o sociali e sono quindi disposti a modificare il proprio portafoglio in favore di investimenti sostenibili. Anche Volksbank ha intrapreso un percorso ambizioso e stiamo raccogliendo risultati soddisfacenti a conferma del nostro impegno: nel 2022 abbiamo ottenuto la valutazione di sostenibilità dell’agenzia di rating S&P Global Ratings, il Sigillo “Leader della Sostenibilità 2022” del Sole 24 Ore e Statista e la label “IGI company 2022” di ETicaNews.

Un obiettivo di sostenibilità della Banca nel processo del credito?

Vogliamo incrementare l’utilizzo dell’ESG Evaluation Tool, uno strumento sviluppato internamente che effettua due tipi di valutazione: misura innanzitutto il grado di sostenibilità di un’azienda in linea con i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU. Inoltre, effettua un’analisi specifica del progetto di transizione ecologica, che può riguardare, ad esempio, la decarbonizzazione, l’economia circolare oppure la salvaguardia della biodiversità in linea con la tassonomia europea.