4.600 soci acquistano azioni esercitando il diritto di opzione/prelazione

Elementi Navigazione

4.600 soci acquistano azioni esercitando il diritto di opzione/prelazione

Comunicato price sensitive

Pubblicato il 26/04/2017

Banca Popolare • Volksbank: circa 4.600 soci acquistano azioni esercitando il diritto di opzione/prelazione. La Banca ricompra azioni e costituisce un’azionariato di riferimento.

L’interesse dei soci per aumentare la loro partecipazione in Volksbank alla fine è stato grande: circa 4.600 soci hanno esercitato i loro diritti di opzione e prelazione nell’ambito della trasformazione in Spa. Sarà la Banca stessa ad acquistare una parte delle proprie azioni (previa autorizzazione della Banca d’Italia) in modo da costituire un’azionariato di riferimento.
4.600 soci acquistano azioni esercitando il diritto di opzione/prelazione

Circa 4.600 soci hanno fatto valere i propri diritti nell’ambito della trasformazione in Spa, sottoscrivendo azioni Volksbank. Lo ha confermato oggi il Consiglio di amministrazione dopo la verifica dei diritti di opzione e prelazione esercitati. Sono in totale 823.077 le azioni oggetto di recesso acquistate, corrispondenti ad un controvalore di circa 10 milioni di euro (31,1 percento delle azioni recedute).

Le azioni ricollegabili all’esercizio dei diritti di opzione e prelazione sono state sottoscritte in sole dieci settimane e corrispondono ad una volta e mezzo il volume annuo negoziato in piattaforma  nel 2016. Volksbank è inoltre riuscita ad acquisire nuovi soci proprio in queste settimane.

Le operazioni di regolamento delle azioni trovano esecuzione in data 28 aprile 2017 con data valuta 27 aprile 2017, nel rispetto del principio di parità di trattamento tra tutti gli azionisti che hanno esercitato il diritto di recesso.
Il Consiglio di amministrazione ha inoltre deciso l’acquisto da parte della Banca stessa delle nr. 1.822.111 azioni rimaste inoptate, applicando in tal modo la delibera dell’Assemblea dei soci in data 1° aprile 2017. Questa misura deve ancora essere approvata da Banca d’Italia, verosimilmente entro giugno.

Le azioni acquistate dalla Banca saranno collocate con l’intenzione di creare un azionariato di riferimento motivato a partecipare allo sviluppo della Banca.