Moody’s modifica il rating

Elementi Navigazione

Moody’s modifica il rating

Price sensitive

Pubblicato il 15/05/2012

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO di Cassa di Risparmio di Bolzano e Banca Popolare · Volksbank

In considerazione delle precarie condizioni in cui versa l’economia italiana, Moodys – agenzia internazionale di rating – ha abbassato nella giornata di ieri il rating di 26 banche italiane, fra le quali Cassa di Risparmio di Bolzano e Banca Popolare · Volksbank. 

Le precarie condizioni dell’economia italiana sono alla base di questo declassamento generalizzato di 26 banche a livello nazionale. Cassa di Risparmio e Banca Popolare · Volksbank sono state retrocesse al rating Ba1. 
Nella motivazione ufficiale per il downgrade, Moody’s asserisce che lo Stato italiano verserebbe in una fase di recessione e che i programmi di risparmio del governo Monti avrebbero condotto al crollo della domanda interna. Con conseguenti ripercussioni sull’operatività delle banche italiane. 

“Eravamo al corrente del declassamento che avrebbe interessato il sistema bancario italiano. Per quanto possa eventualmente risultarci comprensibile la valutazione che è stata effettuata sul contesto economico italiano, non appare giustificato, a mio giudizio, il conseguente declassamento delle banche in Alto Adige. Nel caso specifico ritengo che sia stata perpetrata un’ingiustizia nei confronti di quelle banche che fino ad ora, sui mercati locali, non hanno fatto altro che contrastare la crisi finanziaria”, ribadisce Peter Schedl, direttore generale della Cassa di Risparmio di Bolzano. “Ciò si evince anche dalla nostra relazione di bilancio 2011, che fra le altre cose mette in luce un deciso rafforzamento della liquidità e del capitale sociale”. 

“È fuori di dubbio che l’agenzia di rating Moody’s intraprende una severa analisi della situazione italiana”, questo il commento di Johannes Schneebacher, direttore di Banca Popolare · Volksbank. “La fase attuale è senz’altro contrassegnata dall’incertezza dell’economia, ma non appare senza speranza. Così come accaduto in passato, Moody’s colloca le banche italiane in un contesto macroeconomico sovraordinato, che non ha direttamente a che vedere con l’andamento della singola banca”. 

Alla base dei solidi risultati di bilancio conseguiti, e recentemente pubblicati, da Volksbank è il forte radicamento della Banca sul territorio. “La situazione patrimoniale e di liquidità della Banca sono solide, come è stato peraltro confermato dai dati di bilancio 2011” ha sottolineato Schneebacher. “La quota di capitale proprio, pari al 9,2%, segna un dato decisamente rassicurante. Per i clienti e per i soci di Banca Popolare · Volksbank il declassamento del rating non produce alcuna conseguenza diretta. Continueremo pertanto a seguire la via tracciata con la coerenza che ci ha sempre contraddistinto”. 

Moody’s non manca di evidenziare che le banche in Alto Adige sono in grado di operare in un contesto ecomicamente più stabile che in altre province italiane, e che il radicamento nell’economia locale rappresenta un vantaggio. Anche la solidità del comparto retail ed una minore esposizione di rischio rispetto alle altre banche italiane rappresentano un fattore positivo.